Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico investe nell’Ipertermia Oncologica

Inaugurato a Roma, all’interno del rinnovato Polo di Radioterapia Oncologica, il centro in Italia, ad oggi l’unico, in grado di fornire Ipertermia profonda di tipo radiativo.

 

Ipertermia-radiativa-oncologica-Campus-Biomedico

 

Migliorare l’indice terapeutico dei trattamenti sistemici e loco-regionali senza incrementare la tossicità per il paziente. È questo l’obiettivo con cui è entrato in funzione lo scorso Novembre presso il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico il nuovo sistema Pyrexar per ipertermia profonda.

Si tratta di una tecnologia testata e supportata da numerose evidenze cliniche, con effetti benefici su diverse forme tumorali fra le più diffuse: sarcomi, pancreas, colon-retto, ma anche tumori della testa e del collo, della mammella e della pelvi. In Italia l’ipertermia è ancora scarsamente impiegata, diversamente da quanto avviene nei paesi del nord Europa e del continente americano, dove, come sottolinea il Prof. Lucio Trodella (Policlinico Universitario Campus Bio-Medico), è correntemente utilizzata come terapia antitumorale da abbinare alla chemioterapia e/o radioterapia:

 

“Siamo gli unici oggi in Italia ad avere e utilizzare un macchinario per l’ipertermia profonda di tipo radiativo, al momento diffuso principalmente nei Paesi nord-europei e nel continente americano.”

 

Nello specifico al Policlinico Universitario Campus Bio-Medico sono stati installati un sistema dedicato ai trattamenti superficiali o interstiziali (BSD 500) e uno per trattamenti mirati di ipertermia profonda (BSD 2000), vero fiore all’occhiello del rinnovato Polo di Radioterapia Oncologica. Grazie all’utilizzo di specifiche frequenze elettromagnetiche, il BSD 2000 è in grado di modulare con elevata precisione la distribuzione del calore in base a dimensione e localizzazione del tumore, potenziando così l’efficacia della chemioterapia e della radioterapia.

 

Riscaldando le cellule di un tessuto tumorale a 40-45 °C possiamo da un lato indurre la loro morte preservando quelle sane, molto più resistenti, ma principalmente rendiamo le cellule neoplastiche molto più sensibili alla chemioterapia e/o alla radioterapia, a cui quasi sempre l’ipertermia viene associata.
In questo modo migliora nettamente l’indice terapeutico senza che aumenti significativamente la tossicità per il paziente” (Prof. Lucio Trodella del Campus Bio-medico).

 

La scelta del Campus Bio-Medico di investire nella tecnologia per l’ipertermia profonda radiativa si colloca all’interno di un progetto più ampio di rinnovo e potenziamento del Polo di Radioterapia Oncologica sia dal lato delle apparecchiature tecnologiche, sia da quello del benessere di chi ha bisogno di cure.

 

 Scopri di più sui sistemi di ipertermia oncologica

 

 

Per maggiori informazioni

Pubblicato in Radioterapia
© 2020 TEMA SINERGIE S.p.A
Partita IVA - Codice Fiscale n. 00970310397
Iscr. Reg. Imprese di Ravenna n. 00970310397  |  R.E.A. 111877
Capitale Sociale € 2.000.000,00 int. vers.