SBRT e tossicità tardiva, pubblicati i dati del primo studio retrospettivo su pazienti SpaceOAR vs Non SpaceOAR

Tossicità tardiva GI e GU ridotte dell’83% e del 53% per pazienti con carcinoma prostatico a rischio intermedio trattati con protocollo SBRT e idrogel SpaceOAR: i dati del Memorial Sloan Kettering Cancer Center.


Grazie a evidenze cliniche sempre più numerose* la SBRT sta velocemente diventando uno standard terapeutico. I benefici dell’intensificazione della dose (dose escalation) devono però essere bilanciati dalla salvaguardia dei tessuti sani che circondano la prostata.

A questo proposito proponiamo il recentissimo articolo di Zelefsky che affronta questa tematica da una prospettiva ancora inedita e con risultati davvero interessanti:

Scarica l’articolo, Zelefsky MJ, et al. Early Tolerance and Tumor Control Outcomes with High-dose Ultrahypofractionated Radiation Therapy for Prostate Cancer. Eur Urol Oncol (2019)

 

 

OBIETTIVO

In particolare, nell’articolo sono state valutate la tossicità gastrointestinale (GI) e la tossicità genitourinaria (GU) su 551 pazienti con carcinoma prostatico a medio (>90%) e basso rischio a seguito di un trattamento SBRT in 5 frazioni con dose di prescrizione 37.5-40 Gy (14.5%-85.5%).
Di questi 551 pazienti circa la metà (48.8%) ha ricevuto l’impianto di un idrogel, per distanziare la prostata dal retto, SpaceOAR.

 

RISULTATI

I risultati ottenuti mostrano come i pazienti che hanno usufruito dell’idrogel spaziatore hanno sperimentato significativamente meno eventi di tossicità GI e GU rispetto ai pazienti senza spaziatore: in particolare, si è osservata un’incidenza di tossicità rettale e genitourinaria tardiva di grado 2+ inferiore, rispettivamente, dell’83.4% e del 53.1% nei pazienti con l’idrogel.

 

CONCLUSIONI

Gli autori concludono affermando che è stato raggiunto un livello di controllo del tumore favorevole (90% di biopsie negative a due anni dal trattamento per i pazienti trattati con 40 Gy) e un livello di tossicità significativamente ridotto dall’utilizzo dell’idrogel spaziatore.

 

Scopri di più sull’idrogel SpaceOAR

 

 


*Ad oggi numerosi trial clinici hanno dimostrato la superiorità della radioterapia stereotassica ad alta dose (SBRT) rispetto ai protocolli standard, in termini di sopravvivenza libera da malattia, per il trattamento del carcinoma prostatico a rischio intermedio.

Per maggiori informazioni

Pubblicato in Radioterapia, Uro-oncologia
© 2020 TEMA SINERGIE S.p.A
Partita IVA - Codice Fiscale n. 00970310397
Iscr. Reg. Imprese di Ravenna n. 00970310397  |  R.E.A. 111877
Capitale Sociale € 2.000.000,00 int. vers.