Prima SBRT prostatica adattiva con dispositivo SpaceOAR, monitorata in tempo reale con immagini MR

L’Istituto IRCCS Ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar-Verona è il primo centro al mondo ad aver effettuato un trattamento SBRT, in combinazione al dispositivo SpaceOAR (Boston Scientific), ad un paziente con carcinoma prostatico mediante sistema ibrido MR-Linac.


Negrar (VR), 24 Ottobre 2019

L’impiego dell’idrogel distanziatore SpaceOAR ha consentito di allontanare la parete anteriore del retto dalla prostata, bersaglio del trattamento radiante, e ottimizzare l’intera procedura guidata da immagini MR.

Il paziente ha ricevuto un trattamento completo SBRT per carcinoma prostatico localizzato, terminando la terapia il 21 ottobre. Si tratta di un uomo di 73 anni con “carcinoma prostatico a rischio intermedio” che ha scelto, come approccio curativo della sua malattia, un trattamento radiante con schema di ipofrazionamento estremo.

 

 

Il trattamento è stato erogato in 5 giorni consecutivi utilizzando una tecnica adattiva con durata complessiva, di ciascuna frazione, inferiore ad un’ora. L’idrogel distanziatore SpaceOAR era visibile, in maniera netta e chiara, alle immagini T2 della risonanza magnetica on-board, durante ciascuna frazione.

Si tratta dunque del primo caso al mondo di SBRT prostatica adattiva con distanziatore idrogel, monitorato in tempo reale con immagini MR.

Il trattamento è stato fattibile, facile e completato senza interruzioni in meno di 45-60 minuti per frazione.

Il ruolo delle immagini MR 1.5 T di alta qualità fa la differenza in più situazioni, incluso il trattamento SBRT della prostata, in cui è possibile controllare e correggere aspetti in tempo reale praticamente impossibili da realizzare durante l’erogazione del trattamento utilizzando sistemi di IGRT convenzionali” ha affermato il Prof. Filippo Alongi, Primario del reparto di Radioterapia Oncologica presso l’Istituto Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (VR) e professore associato presso l’Università di Brescia. “Siamo orgogliosi di essere il primo centro oncologico in Italia e in Europa meridionale ad offrire ai nostri pazienti questo progresso rivoluzionario nella radioterapia di precisione“.

Il Prof. Alongi conclude affermando: Nel caso della SBRT della prostata, l’utilizzo dell’idrogel distanziatore SpaceOAR rende l’intera procedura ancora più semplice e soprattutto sicura, minimizzando in maniera significativa il rischio di effetti indesiderati.

 

I centri al mondo che utilizzano SpaceOar all’interno della procedura radioterapica sono già tantissimi. SpaceOAR ha anche ricevuto un riscontro positivo dal National Institute for Health and Care Excellence – NICE (IPG590) per la riduzione della tossicità rettale durante la radioterapia per il cancro alla prostata.

Vorresti ricevere maggiori informazioni sulle sue caratteristiche e sull’efficacia clinica di SpaceOAR?

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni

Pubblicato in Radioterapia
© 2020 TEMA SINERGIE S.p.A
Partita IVA - Codice Fiscale n. 00970310397
Iscr. Reg. Imprese di Ravenna n. 00970310397  |  R.E.A. 111877
Capitale Sociale € 2.000.000,00 int. vers.